28 luglio 2015

Teaser Tuesday #1


Buonasera mie care Creature ♥
Oggi introdurrò un'altra (ebbene si) rubrica settimanale, Teaser Tuesday, ideata dal blog ShouldBeReading, Le regole? Molto semplici. Basta aprire una pagina a caso del libro che state attualmente leggendo e poi condividerne un breve estratto.
In questo momento sto leggendo Cloud Atlas. L'atlante delle nuvole di David Mitchell, e lo sto trovando davvero... particolare.

Al di là del piccolo villaggio indiano, su una spiaggia deserta, mi sono imbattuto in una serie di impronte umane fresche. Tra alghe putride, palme e bambù, le orme mi hanno condotto al loro artefice, un bianco, pantaloni e giacchetta da marinaio arrotolati, barba ruvida e cappello di castoro fuori misura, così intento a scavare e setacciare la sabbia finissima con un cucchiaino da accorgersi della mia presenza solo quando l’ho apostrofato a dieci metri di distanza. Così, ho fatto conoscenza con il dottor Henry Goose, medico chirurgo dell’aristocrazia londinese. La sua nazionalità non mi ha affatto sorpreso. Se esiste un rifugio tanto remoto, o un’isola tanto sperduta, da poterci soggiornare senza incappare in un inglese, sono luoghi che non vengono menzionati sulle mappe che ho visto fino a ora. Il dottore aveva forse smarrito qualcosa su quella spiaggia desolata? Potevo essergli d’aiuto? Lui ha scosso il capo, ha sciolto il nodo al fazzoletto e me ne ha mostrato il contenuto con evidente orgoglio. « I denti, signore, sono i Graal smaltati della mia attuale ricerca. Tempo fa, questa spiaggia arcadica è stata teatro di banchetti cannibaleschi, sì, banchetti dove il forte divorava il debole. I denti venivano sputati, come noi faremmo con i noccioli delle ciliegie. Ma questi vili molari, signore, saranno tramutati in oro, e in che modo? Un artigiano di Piccadilly, specializzato in dentiere per la nobiltà, paga profumatamente per avere denti umani. Avete idea di quanto possa valere un quarto di libbra, signore? » Ho confessato la mia ignoranza. « Né sarò io a illuminarvi a riguardo, signore: trattasi di segreto professionale! » Si batteva il dito sul naso. « Mr Ewing, conoscete la marchesa Grace di Mayfair? No? Meglio così, è un cadavere ambulante. Cinque anni sono trascorsi da quando quella strega ha infangato il mio nome. Sì, con accuse tali da farmi bandire dalla società. » Il dottor Goose guardava il mare. « Le mie peregrinazioni ebbero inizio in quella triste ora. » Ho espresso viva compassione per la vicenda del dottore. «Vi ringrazio, signore, vi ringrazio, ma queste gemme d’avorio », ha scosso il fazzoletto, « sono gli angeli della mia redenzione. Permettete che vi spieghi. La marchesa indossa dentiere forgiate dal suddetto dottore. Il prossimo Natale, quando quell’asina imbellettata prenderà la parola durante il suo ballo degli ambasciatori, io, Henry Goose, mi alzerò in piedi e renderò noto a tutti che la nostra ospite mastica con denti di cannibale! Sir Hubert mi sfiderà, prevedibilmente, ‘Fornite le prove’, ruggirà quel bifolco, ‘o datemi soddisfazione!’ E io ribatterò ‘Prove, sir Hubert? Ho raccolto io stesso i denti di vostra madre da una sputacchiera dei Mari del Sud! Ecco, signore, eccovi qualche altro esemplare!’ e lancerò questi denti nella zuppiera in guscio di tartaruga e questa, signore, questa sarà la mia vendetta! Le malelingue cucineranno a puntino la gelida marchesa nei loro bollettini e, per la prossima stagione, sarà fortunata se riceverà l’invito a un ballo di beneficenza! » Frettolosamente, ho augurato a Henry Goose buona giornata. Temo sia pazzo.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo post? Hai voglia di dire la tua? I commenti mantengono attivo questo blog e mi danno una carica in più per continuare a scrivere :)