14 giugno 2015

Recensione - The Dome, di Stephen King

Titolo: The Dome
Autore: Stephen King
Pagine: 1037
Editore: Sperling & Kupfer (collana Pickwick)
Prezzo: 12,90 euro
Valutazione:



Trama: È una tiepida mattina d'autunno a Chester's Mill, nel Maine, una mattina come tante altre. All'improvviso, una specie di cilindro trasparente cala sulla cittadina, tranciando in due tutto quello che si trova lungo il suo perimetro: cose, animali, persone. Come se dal cielo fosse scesa la lama di una ghigliottina invisibile. Gli aerei si schiantano contro la misteriosa, impenetrabile lastra di vetro ed esplodono in mille pezzi, l'intera area - con i suoi duemila abitanti - resta intrappolata all'interno, isolata dal resto del mondo. L'ex marine Dale Barbara, soprannominato Barbie, fa parte dell'intrepido gruppo di cittadini che vuole trovare una via di scampo prima che quella cosa che hanno chiamato la Cupola faccia fare a tutti loro una morte orribile. Al suo fianco, la proprietaria del giornale locale, un paramedico, una consigliera comunale e tre ragazzi coraggiosi. Nessuno all'esterno può aiutarli, la barriera è inaccessibile. Ma un'altra separazione, altrettanto invisibile e letale, si insinua come un gas velenoso nel microcosmo che la Cupola ha isolato: quella fra gli onesti e i malvagi. Tutti loro, buoni e cattivi, dovranno fare i conti con la Cupola stessa, un incubo da cui sembra impossibile salvarsi. Ormai il tempo rimasto è poco, anzi sta proprio finendo, come l'aria...

Recensione: Stephen King, un cognome che è tutto un programma. Il re si dimostra un'altra volta brillante, con questo mattone che si legge così velocemente da desiderare che fosse ancora più voluminoso. Ci troviamo nel Maine, precisamente nella piccola cittadina di Chester's Mill, ed improvvisamente una cupola invisibile cala su di essa. Come piccole formiche nelle mani di bambini dispettosi, gli abitanti si trovano in balìa della cupola, impenetrabile e mortale, e devono far fronte alla tirannia di Big Jim Rennie. Quest'ultimo, rivenditore di macchine usate nonchè secondo consigliere del Mill, è un potente manipolatore, spietato e viscido, e farà di tutto per opporsi al nostro protagonista: Dale "Barbie" Barbara.
Le prime 200 pagine sono leggermente più pesanti del resto del libro, poichè King ha deciso di sviluppare più trame parallele, con punti di vista dei vari personaggi che cambiano molto velocemente. Questo non è da considerare un difetto, anzi. Questa scelta stilistica, aiutata dalla grande abilità dell'autore, mi ha coinvolta molto e ben presto mi ha trascinata sotto la cupola insieme agli altri cittadini di Chester's Mill. Carina anche l'idea di introdurre il punto di vista degli animali, che agiscono come vere e proprie persone, mi ha in un certo senso divertita. Ho provato gioie e dolori, antipatie proprio come se stessi vivendo l'intera vicenda in prima persona, perciò chapeau Mr.King.
I protagonisti sono descritti piano piano, ed è bello scegliere la fazione per cui tifare: i buoni di Barbie, o i cattivi di Rennie? Personalmente Big Jim e suo figlio Junior non riuscivo a sopportarli, quindi la scelta mi pare scontata.
Il finale sinceramente l'ho trovato un po'azzardato, ma nel complesso buono e non troppo scontato, quindi davvero non saprei trovare un difetto in questa storia. Ho letto parecchie recensioni contrastanti: c'è chi considera questo libro un capolavoro e c'è chi invece l'ha abbandonato subito, perchè The Dome è un libro che si ama o si odia. Non ci sono vie di mezzo.

8 commenti:

  1. Bello qui, mi paice il tuo blog. Mi daresti un consiglio? Ti aspetto da me.

    RispondiElimina
  2. Che bella recensione! Avevo molti dubbi su questo libro dato che avevo letto recensioni negative al riguardo, però di sicuro ora che mi hai incuriosito è entrato in wishlist.♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ti ringrazio e sono contenta di averti incuriosita, secondo me questo è un libro che merita ♥

      Elimina
  3. Ciao Claudia! io amo molto Stephen King, ma questo suo romanzo ancora non l'ho letto! Ora però mi hai incuriosito e lo leggerò presto ^.^
    Questa cosa delle prime duecento pagine un po' "pesantucce" capita in tutti i libri di King, ci vuole un po' per ingranare ma poi sono strepitosi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, è davvero bello :D Purtroppo ho letto solo libri abbastanza brevi di King, e The Dome è il primo libro corposo che ho letto. Non vedo l'ora di recuperare Cose Preziose, mi incuriosisce un sacco!

      Elimina
  4. ciao
    questo è un libro che da tempo dico devo leggerlo. Ho visto la serie tv e mi è piaciuta. Poi io adoro King. Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo guardare la serie. appena finisco Breaking Bad! Grazie mille e altrettanto ^_^

      Elimina

Ti è piaciuto questo post? Hai voglia di dire la tua? I commenti mantengono attivo questo blog e mi danno una carica in più per continuare a scrivere :)